MISURE ANTICONTAGGIO COVID-19 - ASD Hernicus Anagni

MENU
Vai ai contenuti

MISURE ANTICONTAGGIO COVID-19

 
A.S.D. CTT. HERNICUS ANAGNI
 
Via Vecchia San Magno,1 03012 Anagni (FR)
 
Cod.Fisc.92046190606
 
 
DICHIARAZIONE DI AVVENUTA INFORMAZIONE
 
MISURE ANTICONTAGIO COVID-19
 
 
Il sottoscritto Stefano Scarselletta in qualità di Legale Rappresentante della ASD CTT HERNICUS ANAGNI dichiara che, l’allenatore, gli atleti e i genitori degli atleti minori, sotto elencati, sono stati informati delle procedure di emergenza riferite nei seguenti documenti:
 
 
·         Protocollo/Linee guida generali per gli allenamenti nelle Associazioni/ Società e nei centri di allenamento federale, redatte dalla Federazione Italiana Tennistavolo, deliberate dal Presidente Federale in data 6 maggio 2020, aggiornato alla data del 22/05/2020, redatto da un apposito gruppo di lavoro coordinato dal Presidente della Commissione Medica Federale, Prof. Carlo Tranquilli;
 
 
·         Ordinanza del Presidente della Regione Lazio proposta  n. 7874 del 19/05/2020 (Allegato/linee di indirizzo – palestre pagg. 28-29) – Ulteriori misure per la prevenzione e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-2019. Riavvio di ulteriori attività economiche, produttive e sociali. Ordinanza ai sensi dell’articolo 32, comma 3 della legge 23 dicembre 1978 n. 833 in materia di igiene e sanità pubblica.
 
 
 
Il medico sociale per l’Associazione è il Dott. Pietro Frattale, i Responsabili Covid 19 sono l’allenatore Giampiero Altini e l’atleta Stefano Scarselletta.  Il tutto attraverso le modalità previste dal su citato protocollo e la distribuzione/affissione di adeguato materiale informativo, sulle seguenti tematiche:
 
 
LINEE GUIDA GENERALI PER GLI ALLENAMENTI NELLE ASSOCIAZIONI/SOCIETÀ E NEI CENTRI DI
 
ALLENAMENTO FEDERALE
 
 
Le norme di prevenzione relative alla salute individuale degli atleti e di tutti i soggetti interessati allo svolgimento degli allenamenti per  attività  sportiva  agonistica e  alle  esigenze di  sanità pubblica
 
relative alla diffusione dell’infezione da COVID-19, unitamente alla distribuzione e affissione di adeguato materiale informativo,  sono basate essenzialmente sui seguenti punti fondamentali e da attuare continuamente:
 
 
a) nel corso di allenamento il distanziamento sociale non è mai inferiore a 2 metri in condizioni di riposo. Tale distanza deve essere superiore durante attività fisiche che comportino incremento nella funzione metabolica, in modo proporzionale a tale incremento e deve tener conto che luoghi aperti e ventilati rappresentano una maggior tutela nella riduzione del rischio.
 
 
b) i luoghi chiusi necessitano di adeguati sistemi di ventilazione naturale o artificiale (con esclusione dei sistemi che comportano ricircolo dell’aria) e limitano la permanenza nel loro interno a un numero di persone compatibile con le dimensioni degli stessi nel rispetto delle norme sull’obbligo di distanziamento sociale – nella palestra, durante l’allenamento,  saranno lasciate aperte a garanzia della ventilazione le due porte finestre presenti;
 
 
c) l’obbligo e l’indicazione di lavarsi frequentemente le mani secondo le direttive del Ministero della Salute rappresentano una prescrizione fondamentale che deve sempre essere rispettata, particolarmente in occasione di contatti, anche occasionali, con altre persone, con oggetti che sono stati toccati da altre persone o che possano essere contaminati da “droplets” (provenienti dalle vie aeree) di altre persone. In alternativa al lavaggio delle mani devono essere sempre disponibili gel disinfettanti in soluzione idroalcolica.
 
 
d) è necessario evitare sempre di toccarsi con le mani la faccia, il naso, gli occhi e la bocca.
 
 
e) l’uso di guanti monouso non esime dall’obbligo di disinfezione delle mani e da tutte le indicazioni precedenti. I guanti, una volta contaminati devono immediatamente essere eliminati in appositi contenitori e smaltiti e deve essere immediatamente eseguito il lavaggio o la disinfezione delle mani.
 
 
f) in condizioni in cui non è possibile rispettare il distanziamento sociale di almeno un metro, tanto nei luoghi aperti che confinati, al di fuori delle specifiche procedure previste per l’allenamento, è obbligatorio indossare mascherine chirurgiche che coprano costantemente naso e bocca e per l’uso delle quali deve essere effettuata adeguata formazione.
 
 
g) chiunque sia portatore, anche di uno solo, di sintomi quali febbre > di 37°, tosse, sintomi respiratori anche apparentemente banali, disturbi gastro-intestinali, cefalea, astenia, disturbi dell’olfatto o del gusto, deve rimanere presso la propria dimora, deve immediatamente avvisare il proprio allenatore e il medico curante. Per nessun motivo dovrà recarsi nel luogo dell’allenamento.
 
 
h) nessuna persona che sia stata affetta da COVID-19 o che nei 14 giorni precedenti all’arrivo nella sede degli allenamenti, o nel corso del periodo degli allenamenti stessi, abbia avuto sintomi di cui al punto g) o abbia avuto contatti con soggetti dichiarati positivi confermati per malattia COVID-19 sarà ammessa agli allenamenti e dovrà contattare il suo medico curante il quale attuerà le procedure di sanità pubblica e/o il protocollo previsto dalla FMSI di cui al punto B dell’allegato 4 circolare n. 3180 del 04/05/2020 per la riammissione degli atleti agli allenamenti.
 
 
i) tutti i partecipanti all’allenamento dovranno misurare la loro temperatura corporea al mattino prima di uscire dalla propria dimora e alla sera prima di coricarsi quotidianamente, tenendone nota in apposito registro (anche informatico). L’ASD CTT HERNICUS ANAGNI provvederà alla  misurazione e controllo della temperatura tramite termoscanner, per tutti gli atleti, prima di accedere in struttura, tali misurazioni saranno riportate in un apposito registro.
 
 
Per quanto riguarda il numero di aree di gioco che possono essere presenti in ogni singolo impianto, si rimanda alle disposizioni in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro, particolarmente riferite all’emergenza pandemica COVID-19, di pertinenza del datore di lavoro/del gestore/dell’utilizzatore dell’impianto nel rispetto delle norme contenute nella:
 
 
• circolare emanata lo scorso 29 aprile 2020 dalla Direzione Generale della Prevenzione Sanitaria del Ministero della Sanità, avente ad oggetto “Indicazioni operative relative alle attività del medico competente nel contesto delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus SARS-CoV-2 negli ambienti di lavoro e nella collettività”;
 
 
• linee-Guida emanate lo scorso 3 maggio 2020 dall’ufficio per lo Sport della Presidenza del Consiglio dei Ministri ai sensi dell’art. 1, lettere f) e g) del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 26 aprile 2020 e recante “Modalità di svolgimento degli allenamenti per gli sport individuali”;
 
 
• Linee-Guida emanate lo scorso 19 maggio 2020 dall’ufficio per lo Sport della Presidenza del Consiglio dei Ministri ai sensi dell’art. 1, lettera f) del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 17 maggio 2020 e recante “Linee guida per l’attività sportiva di base e l’attività motoria in genere”, e in ottemperanza alle normative nazionali e regionali in materia.
 
 
Allestimento della palestra
 
 
• Per ogni area di gioco deve essere prevista una superficie minima di mt. 4.5 x 9 che deve essere chiaramente delimitata da elementi di contorno/separazione o transenne. Tra le diverse aree di gioco si deve rispettare una distanza minima di 2 metri.
 
 
• All’interno dell’area gioco possono esserci solo i 2 giocatori. L’allenatore deve rimanere sempre all’esterno delle transenne e comunque con un distanziamento non inferiore a 2 metri.
 
 
• Le aree di gioco devono essere allestite con i tavoli e tutti gli altri materiali necessari e, successivamente, disallestite, possibilmente, sempre dalla stessa persona assegnata a tal scopo. Tale persona ha l’obbligo di svolgere le operazioni connesse indossando guanti di protezione monouso e mascherina chirurgica che dovranno poi essere gettate negli appositi cestini.
 
 
• Nel caso in cui l’allestimento e il disallestimento sia svolto direttamente dall’atleta/i e/o dall’allenatore, questi devono sempre lavarsi le mani con acqua e sapone (oppure con gel disinfettante in caso di mancanza sapone) prima e dopo l’allestimento/disallestimento della palestra.
 
 
Spogliatoi, docce e gabinetti e locali di servizio
 
 
•Particolari disposizioni di igiene e sicurezza dovranno essere disposte per l’utilizzo di spogliatoi, docce e servizi igienici, nei quali gli operatori dell’impianto sportivo dovranno prevedere l’accesso contingentato a questi spazi, evitare l’uso di applicativi comuni, quali asciuga capelli, ecc... che al bisogno dovranno essere portati da casa. Tali spazi dovranno essere sottoposti a procedure di pulizia e igienizzazione costante, in relazione al numero di persone e ai turni di accesso a detti spazi.
 
• I giocatori e gli allenatori, laddove possibile, dovranno arrivare in palestra già vestiti in maniera idonea per l’allenamento, o in modo tale da utilizzare spazi comuni solo per cambi di indumenti minimi o che richiedano tempi ridotti, riponendo il tutto in appositi contenitori sigillanti.
 
 
 
 
 
 
Materiale tecnico
 
 
• Ogni giocatore deve portare la propria racchetta. Le racchette non possono essere scambiate per nessun motivo. Dopo l’allenamento ogni giocatore deve lavare la propria racchetta con acqua e sapone.
 
 
• L’allenatore deve portare le palline, previamente disinfettate, per metterle a disposizione dei giocatori. Finito l’allenamento, l’allenatore o i giocatori devono lavare le palline utilizzate con acqua e sapone (o le disinfettano) e lavarsi accuratamente le mani.
 
 
• Il tavolo non deve essere toccato durante l'allenamento.
 
 
Pulizia dei tavoli
 
• Al termine di ogni singola sessione di allenamento (cioè ad ogni cambio dei singoli atleti impegnati) i tavoli utilizzati devono essere adeguatamente puliti/disinfettati con soluzioni idroalcoliche o a base di cloro e con comuni detergenti.
 
 
Ristoro
 
• Ogni giocatore deve portare all’allenamento la propria borraccia e i propri snack. La borraccia non può essere mai passata ad altri giocatori.
 
 
• Le regole di distanziamento sociale sono da rispettare anche nei momenti di pausa.
 
 
Tragitto e accesso alla palestra
 
 
• Si consiglia ai giocatori e agli allenatori di recarsi in palestra a piedi o con la bicicletta per quanto possibile. L’utilizzo di macchine comuni è da evitare e, per quanto possibile, anche l’uso dei mezzi pubblici è da ridurre il più possibile. Nel caso sia indispensabile l’uso dei mezzi pubblici si raccomanda di rispettare le regole di igiene e di comportamento emesse dalle autorità competenti.
 
 
• I giocatori possono entrare in palestra al massimo 5 minuti prima dell’inizio del proprio allenamento.
 
 
• Nelle operazioni di accesso alla palestra, allestimento e disallestimento dei tavoli e al momento dell’uscita dalla palestra, la distanza di 2 metri tra le persone deve sempre essere rispettata. Non bisogna mai salutarsi attraverso la stretta di mano. Eventuali cartelli indicatori di distanziamento o di percorso da seguire, affissi nella palestra, sono da rispettare.
 
 
• I giocatori devono lasciare la palestra al massimo 5 minuti dopo la fine del proprio allenamento.
 
 
• Nel caso in cui siano previsti più allenamenti successivi o se più gruppi di allenamento usano contemporaneamente una palestra, gli orari di allenamento devono essere coordinati in modo da evitare assembramenti e incroci a inizio o fine allenamento. A tal proposito deve essere prevista una pausa di 10 minuti tra una occupazione dei tavoli e quella successiva per consentire che il cambio dei giocatori avvenga senza alcun pericolo.
 
 
 
 
 
Organizzazione degli Allenamenti
 
Linee guida per le associazioni/società sportive
 
 
• Ogni associazione/società deve nominare un “Responsabile del protocollo COVID-19” che si occuperà di garantire il rispetto di tutte le raccomandazioni previste dal presente protocollo.
 
 
Il responsabile può essere anche l’allenatore.
 
 
• Non possono essere svolti allenamenti di doppio.
 
 
• Tutti i giocatori per potersi allenare devono, preventivamente, aver fatto, personalmente o per mezzo dell’allenatore, una prenotazione al Responsabile del protocollo Covid-19 dell’associazione/società sportiva. Il responsabile deve registrare tutti gli orari di allenamento dei giocatori o assegnare loro gli orari di allenamento disponibili.
 
 
• L’allenatore deve compilare una lista dei presenti per ogni allenamento. Le liste delle presenze devono essere archiviate dal Responsabile del protocollo Covid-19. Questo provvedimento è necessario per ricostruire i contatti in caso di contagio.
 
 
• La Federazione Italiana Tennistavolo, a tal proposito, raccomanda alle associazioni/società sportive di tenere un registro giornaliero degli allenamenti nel quale risulti quale giocatore può allenarsi, a che ora, in quale giorno e con quale allenatore. Se possibile, per le prime 3 settimane, l’allenamento dovrebbe essere sempre svolto tra lo stesso gruppo di allenamento (massimo 4 persone - 2 alla volta).
 
 
• Per lo svolgimento delle attività di preparazione fisica dei giocatori è preferibile utilizzare spazi all’aperto, rispettando le norme generali previste al punto 3, e svolgere attività a corpo libero. Nel caso in cui ciò non fosse possibile, possono essere utilizzati anche degli appositi spazi al chiuso e specifiche attrezzature messe a disposizione dall’associazione/società, a condizione che vengano rispettate le norme generali di cui al punto 3, che l’utilizzo degli attrezzi avvenga indossando guanti monouso e che gli attrezzi utilizzati vengano appositamente lavati/disinfettati prima e dopo il loro utilizzo. È inoltre obbligatorio l’utilizzo di un asciugamano personale mentre è vietato l’utilizzo di materassini ginnici.
 
 
• Solo i giocatori totalmente asintomatici possono partecipare agli allenamenti. Chi presenta sintomi come tosse, febbre, dolori muscolari, disturbi all’olfatto o al gusto, diarrea o nausea deve rimanere obbligatoriamente a casa e prendere contatto telefonico con il proprio medico di famiglia.
 
 
• Tutti i giocatori, laddove possibile, devono cambiarsi a casa e arrivare in palestra già vestiti per l’allenamento.
 
 
• Ogni giocatore deve portare la propria racchetta. Ogni giocatore deve prendere in mano solo la propria racchetta che non potrà essere scambiata con nessuno. Alla fine dell’allenamento ogni giocatore deve igienizzare la propria racchetta.
 
 
• Ogni giocatore deve portare il proprio disinfettante all’allenamento.
 
 
• È vietato asciugare il sudore delle mani sul tavolo.
 
 
• È vietato respirare/soffiare/alitare sulla pallina.
 
 
• L’asciugamano utilizzato per il sudore del viso può essere utilizzato solo con la mano che tiene la racchetta, e non con la mano che regge la pallina e non può essere appoggiato sul tavolo.
 
 
• Nel corso del gioco la mano libera non può essere portata al viso. La Federazione consiglia agli atleti di indossare un guanto nella mano libera (non per motivi di igiene ma come “supporto” per ricordarsi di non toccare il viso e l’asciugamano).
 
 
• Durante l’allenamento è vietato cambiare lato del tavolo.
 
 
• Non è consentita nessuna stretta di mani o battito di mani al termine dell’allenamento.
 
 
• Prima e dopo l’allenamento i giocatori devono lavarsi bene le mani. Dopo averle lavate, le mani devono essere asciugate con un asciugamano pulito personale e di uso esclusivo del singolo giocatore o con un asciugamano di carta monouso.
 
 
• I rifiuti sono da portare a casa o devono essere smaltiti secondo le procedure disposte dal gestore dell’impianto.
 
 
• I giocatori che non rispettano le regole del protocollo di protezione possono essere esclusi dall'allenamento dall'allenatore o dal rappresentante Covid-19 dell’associazione/società.
 
 
Informazioni per i genitori e i visitatori.
 
 
• I genitori possono accompagnare i figli in palestra ma devono lasciarli subito dopo averli  affidati all’allenatore nel rigoroso rispetto del distanziamento sociale.
 
 
• I genitori non possono restare in palestra durante lo svolgimento dell’allenamento.
 
 
• Nessun visitatore può essere ammesso, per alcun motivo, nel luogo di allenamento.
 
 
Informazioni per l’allenatore
 
 
• Durante l’allenamento l’allenatore deve indossare obbligatoriamente la mascherina chirurgica.
 
 
• L’allenamento deve essere organizzato in modo tale che la distanza di sicurezza minima di 2
 
metri venga rispettata in ogni momento, sia tra i giocatori che tra i giocatori e l’allenatore stesso.
 
 
• L’allenatore è responsabile del fatto che un gruppo di allenamento non sia costituito da un numero superiore a 4 giocatori. Se ci sono due gruppi di allenamento nella stessa palestra, i gruppi non devono mai mischiarsi. Nel caso si presentino in palestra persone che non sono state prenotate per quella fascia oraria l’allenatore li deve rimandare a casa senza ammetterli all’interno della palestra.
 
 
• L’allenatore deve tenere un registro dei giocatori che partecipano a ogni allenamento e, a fine allenamento, lo deve spedire al Responsabile del protocollo Covid-19 dell’associazione/società e/o tenere all’interno dell’armadietto.
 
 
• Sono consentiti solo allenamenti di singolo e non di doppio.
 
 
• L’allenatore non può avere nessun contatto fisico con i giocatori. Se l’allenatore desidera mostrare un movimento lo deve fare mantenendo le distanze sociali previste.
 
 
• Nel corso della sessione di allenamento l’allenatore deve restare al di fuori dell’area di gioco.
 
 
• Nell’organizzazione degli allenamenti l’allenatore deve cercare di prestare particolare attenzione ai giocatori che, a causa del divieto di allenamento, sono fermi da più tempo.
 
 
L’allenamento deve essere organizzato in modo di ridurre al minimo il rischio di incidenti.
 
 
Allenamento multiball: negli allenamenti di gruppo (a partire da 3 giocatori in palestra)
 
l’allenamento multiball non è consentito. Nelle sessioni di allenamento individuale l’allenatore può, invece, utilizzare questo metodo di allenamento con il giocatore. In tal caso l'allenatore deve indossare un guanto monouso sulla mano libera per svolgere l'allenamento multiball. Il giocatore non deve toccare le palline.
 
 
Se nel corso degli allenamenti una persona manifestasse sintomi di cui alla lettera g) del punto3, dell’allegato protocollo, questa andrà immediatamente isolata dal resto del gruppo e, nel rispetto delle procedure di primo intervento aziendale indicate per l’impianto, dovrà essere, avvisato il medico, immediatamente allontanata tramite procedura di emergenza, anche per l’attuazione delle misure di sanità pubblica obbligatorie.
 
 
COMUNICAZIONI E VALIDITA’
 
 
Questo protocollo della Federazione Italiana Tennistavolo, deliberato dal Presidente Federale in data 6 maggio 2020 e aggiornato in data 22 maggio è stato redatto da un apposito gruppo di lavoro coordinato dal Presidente della Commissione Medica Federale, Prof. Carlo Tranquilli, ed è stato sottoposto, come previsto, all’approvazione del CONI, del CIP e degli organi tecnico scientifici governativi. Il protocollo è stato trasmesso con le seguenti modalità:
 
 
• invio tramite bacheca federale a tutti i comitati regionali, le associazioni/società sportive interessate per l’inoltro a tutti i loro tesserati e agli allenatori.
 
 
• Pubblicazione sulla pagina web della FITET e collegamento nella pagina facebook • Le associazioni/società sportive che non si allenano in una palestra di proprietà, sono pregati di inoltrare il protocollo agli enti proprietari che li ospitano. Il presente protocollo di dettaglio rimane in vigore fino a diverse disposizioni da parte della FITET e/o salvo ulteriore e differenti disposizioni da parte delle autorità competenti
 
 
Per tutte le indicazioni non elencate nel presente protocollo si fa espresso riferimento alle norme e prescrizioni contenute nei DPCM e nella circolare della Presidenza del Consiglio dei Ministri n. 3180 del 04/05/2020 che rimangono fonte primaria.
 
 
                                                                                              ASD CTT HERNICUS ANAGNI
 
     Il Presidente
 
                                                                                                        Stefano Scarselletta
 
 
 
Gli atleti e i genitori degli atleti minori partecipanti, che firmano per presa visione sono:
 
         
        
            
        
            
        
            
        
            
        
            
        
            
        
            
        
            
        
            
        
            
        
            
        
            
        
            
        
            
        
            
        
            
        
            
        
       
COGNOME E NOME
FIRMA
Stefano Scarselletta
Pietro Frattale
Giampiero Altini
Fabio Amadio
Valerio Assorati
Guido Caporaso
Maria Emilia Ciccotti
Iacopo Frattale
Fabrizio Fagnani
Jacek Machowski
Martini Cristina
Giuseppe Bragalone
Alex Bragalone
Fagnani Marco
Giona Stefano
Nicolas Mazza
Domenico Covone
                                                                                                                                                                
ASD HERNICUS ANAGNI 2020
Torna ai contenuti